since 1830

The history of Florence

La storia della nostra azienda è strettamente legata alla città di Firenze.

Nel 1830 nasce a Firenze in via de Cerretani un negozio di accessori, come pellicce, borse da sera, valige, bastoni e ventagli. Il negozio chiamato Gilardini si fece presto un nome tra la clientela cittadina.

A seguito dell’unità d’Italia e del trasferimento della capitale del Regno da Torino a Firenze, la città e con lei il negozio vide crescere la sua internazionalità.

Lo spazio di via de’ Cerretani con i suoi prodotti artigianali eleganti e curati divenne meta della aristocrazia italiana ed europea.

Tra la fine dell’800 e i primi del novecento Firenze diventa meta fondamentale del Gran Tour. Anglosassoni e americani vengono a studiare e conoscere l’arte rinascimentale e rimangono affascinati dalle mani d’arte che ancora si trovano nella nostra città. L’arte della pelletteria (arte della concia) risale al 1282 e il vedere che questa sapienza è stata tramandata per così tanti anni affascina la clientela straniera che nel negozio trova l’espressione di questa eccellenza.

Subito dopo la guerra del 1915-18 Eugenio Ottino si trasferisce a Firenze da Genova e comincia a lavorare nel negozio stesso.Nel giro di pochi anni rileva l’attività e cambio il nome in OTTINO. Eugenio si appassiona alla pelletteria e crea un team di eccellenti artigiani con i quali realizzare prodotti di prestigio. Afferma l’immagine di storica pelletteria fiorentina e continua ad essere fornitore della casa Reale. Infatti durante i festeggiamenti per i 150 anni dell’unità d’Italia Ottino è stata invitata ad esporre la sua produzione in veste di fornitore della Real Casa stessa.

Massimo Ottino comincia a lavorare con il padre Eugenio fin da giovanissimo, appassionandosi alla pelletteria ed al commercio. Con il suo spirito imprenditoriale e innovativo Massimo affianca ad una produzione classica una ricerca di moda.

Purtroppo nel 1966 il 4 Novembre Firenze subisce un devastante alluvione che sommerge la città sotto metri di acqua e di fango.

Nel negozio l’acqua arriva ad oltre due metri, distruggendo tutto e portando via l’archivio, i disegni oltre a tutta la merce.

Massimo si rimbocca le maniche. E’ uomo che non teme le sfide e in pochissimo tempo riapre l’attività, facendola risorgere insieme alla città.

Nel 1978 Paolo, figlio di Massimo fa il suo primo viaggio in Giappone e da inizio all’OTTINO EXPORT. Paolo valorizza l’identità del marchio Ottino creando un logo e dei pattern che vengono utilizzati tutt’ora.

Nel 2000 Ottino lascia la sede storica per trasferirsi in via Porta Rossa, una delle strade più chic dello shopping fiorentino.

Dal 2012 Virginia come da tradizione comincia ad affiancare il padre Paolo nell’attività, digitalizzando il brand e portandolo al passo con i tempi.

Certified quality